Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

“Dettasti a Dante tu le pagine dell’Inferno?” Grafica. Foto. Materiali di archivio

Data:

03/07/2019


“Dettasti a Dante tu le pagine dell’Inferno?” Grafica. Foto. Materiali di archivio

Il tema del legame tra la poesia di Dante e le opere di Anna Achmatova si perpetua nei lavori di artisti contemporanei di Verona, Venezia e San Pietroburgo, esposti nella mostra ““Dettasti a Dante tu le pagine dell’Inferno?” (Ty l’ Dantu Diktovala…) organizzata in occasione del 130° anniversario della nascita della poetessa Anna Achmatova.

Le opere esposte non tentano di ritrarre né Dante né Achmatova: ciascun autore formula una personale lettura artistica, attingendo dagli elementi più vicini alla propria sensibilità presenti nei complessi temi della poesia di Achmatova.

Asja Nemčenok (San Pietroburgo) presenta pagine della serie «Akhmatova. Poems»: collage realizzati con tecniche di fotografia d’autore, che riescono a far coabitare le volte arcuate dei palazzi italiani e le finestre della stanza di Achmatova sulle rive del canale Fontanka.

Livio Ceschin (Treviso) si occupa della tradizionale incisione all'acquaforte con uso della puntasecca, affrontando il genere del paesaggio classico. Un paesaggio, tuttavia, in cui, grazie all’aggiunta di linee scritte a mano e della colorazione ad acquerello, la nitidezza e la consistenza dei confini geografici si affievoliscono al punto da lasciar indovinare nel panorama italiano il giardino Šeremet'evo.

Katia Margolis (Venezia), oltre ad essere l’ideatrice del progetto, è una pittrice poliedrica che ama includere frammenti di testi nelle proprie creazioni. Per allestire questa mostra realizza le proprie opere quasi «davanti agli occhi degli spettatori», aprendo per loro le porte del laboratorio artistico.

I lavori dei tre autori contemporanei condividono lo spazio espositivo con l’antologia del 1833 proveniente dalla biblioteca di Anna Achmatova «I quattro poeti italiani: Dante, Petrarca, Ariosto e Tasso con una scelta di poesie italiane dal 1200 sino a’ nostri tempi» e con il ritratto del 1920 «Dante-Achmatova» di Vasilij Kalužin.

Inaugurazione: 3 luglio, ore 17:00

In occasione del vernissage Dar’ja Maglёvaja (viella) eseguirà alcuni brani musica strumentale europea del XIV secolo.

Informazioni

Data: Da Mer 3 Lug 2019 a Sab 3 Ago 2019

Ingresso : A pagamento


Luogo:

Museo Anna Akhmatova (Liteinij pr. 53)

1000